demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
Le mappe di Ilvo Diamanti
ULTIME MAPPE
Il campo allargato l’arma della sinistra per vincere nel Paese polarizzato
(12 giugno 2024)
vedi »
La miglior amica dell’Europa è la Generazione Z
(20 maggio 2024)
vedi »
Il premierato piace a metà degli italiani. L’autonomia solo al Nord
(13 maggio 2024)
vedi »
Tra i Cinquestelle cresce la voglia di campo largo Il Pd guarda al centro
(6 maggio 2024)
vedi »
LE MAPPE DI ILVO DIAMANTI

La geografia degli orientamenti culturali, sociali e politici degli italiani, tracciata dagli articoli di Ilvo Diamanti per La Repubblica.
TRA I CINQUESTELLE CRESCE LA VOGLIA DI CAMPO LARGO IL PD GUARDA AL CENTRO
[La Repubblica, 6 maggio 2024]

Il “campo largo” continua ad essere un obiettivo “largamente” condiviso fra gli elettori dei principali partiti di opposizione. PD e M5s. Molto meno fra coloro che guardano al cosiddetto “Terzo Polo”. Per ragioni comprensibili, visto il peso limitato che hanno sul piano elettorale. E, dunque, il rilievo “ridotto”, in caso di un’alleanza “larga”. È l’indicazione principale che emerge dal sondaggio recente condotto da Demos. Rispetto a quanto osservato nella precedente indagine, condotta in febbraio, il sostegno a questa prospettiva appare più ampio tra gli elettori del M5s, che attualmente costituiscono, seppur di poco, la “base più larga” del “campo largo”: 64% di sostenitori. Nel PD è il 58%. Si tratta di una tendenza interessante. E significativa. Condizionata dagli eventi elettorali avvenuti nel periodo recente. Negli ultimi 3 mesi, infatti, si è votato in 3 regioni. In Sardegna, quindi in Abruzzo e in Basilicata. Con risultati diversi. Infatti, solo in Sardegna l’alleanza di Centro Sinistra ha prodotto esiti positivi, sottolineati dalla vittoria di Alessandra Todde. Candidata espressa dal M5s. Nonostante che in Abruzzo la convergenza del campo sul candidato fosse più ampia. L’orizzonte di questa alleanza, comunque, appare piuttosto buio. Il Terzo Polo non c’è. O meglio, è, a sua volta, un Polo diviso. Anche all’interno, viste le diverse, in parte divergenti, posizioni dei leader. Carlo Calenda, Matteo Renzi ed Emma Bonino. Chesi contendono un settore limitato - ma importante - del “mercato elettorale”. Puntando sulla “personalizzazione” piuttosto che sulla “strategia”. Politica. D’altronde, hanno scelto percorsi diversi anche alle Europee.

E “la formazione di una nuova formazione”, gli Stati Uniti d’Europa, che aggregano +Europa, Italia Viva e altri soggetti politici minori, non ha semplificato il quadro politico. Semmai, lo ha complicato. Per i partiti e i loro leader. E, quindi, per i cittadini. Così, le alleanze preferite dagli elettori dei “diversi” partiti, secondo il sondaggio di Demos perRepubblica , appaiono “diverse”. Soprattutto quando entra in gioco il Terzo Polo. Poco definito e per questo “sparso” nel “campo politico”. Attratto e, a sua volta, distratto da diverse direzioni. L’intesa con il Terzo Polo, infatti, è considerata con interesse dalla base del PD. Approvata da quasi il 60% dei suoi elettori. Un atteggiamento ricambiato, che indica un buon grado di reciprocità. Questo orientamento, però, nel Terzo Polo non si osserva quando entra in campo il M5s. Tuttavia, è difficile immaginare un campo elettorale effettivamente “largo” senza un’intesa o, almeno: un coinvolgimento “tattico”, con i 5 Stelle.

D’altra parte, “l’altro campo” non sembra particolarmente con-diviso. Dopo le elezioni del (settembre) 2022, infatti, il Centro Destra si è “scomposto” e oggi, praticamente, non esiste. Forza Italia deve fare i conti con la morte del fondatore. Silvio Berlusconi. Ideatore di un “partito personale” che, per definizione, ha perduto buona parte del proprio consenso, con la scomparsa della “persona” che l’ha concepito e costruito. Intorno a sé. Mentre la “Lega di Salvini” è divenuta, a sua volta, un campo di battaglia. Minacciata da soggetti politici esterni, che mirano a occuparnegli spazi politici ormai residuali. E, ancor più, dall’interno. Dalla competizione fra leader vecchi e nuovi. E soprattutto dalla perdita di “terreno”, o meglio, del “territorio”. Che ne aveva costituito le fondamenta. Soprattutto nel Nord. E, negli ultimi 10 anni, si è progressivamente ridimensionato, in seguito alla scelta di Salvini, di allargarlo, attraverso una “Lega Nazionale” (e “personale”), che ha perduto rapidamente identità. “Terreno”. Fino a scendere, in pochi anni, sotto il 10%. Affiancato da Forza Italia. E, nel Centro Destra, lontano dai Fd’I di Giorgia Meloni.

Così, si è delineato un “campo di gioco” (politico) dove i concorrenti si formano e (man)tengono intorno al capo. Al(la) leader. Per questo motivo, però, occorre costruire un “territorio largo”. E occorrono leader in grado di presidiarlo. Di allargarne o, almeno, mantenerne i confini. Un’impresa non facile. Al contrario. In particolare, da quando il territorio è divenuto “virtuale”. Creato e riprodotto per via digitale. Mentre è divenuto difficile per un(a) leader mantenere il suo spazio. Affermare e ri-produrre la sua identità. In tempi nei quali lo spazio della politica è stato eroso dall’anti-politica. E ai partiti sisonosostituiti gli anti-partiti. A loro volta guidati da anti-leader. Una tendenza che, negli ultimi anni, ha indebolito soprattutto l’opposizione. “Divisa” fra PD, M5s e Terzo Polo. Senza un(a) leader condiviso(a). Ma come è possibile costruire un “campo largo” solo remando “contro”? Senza confini de-finiti e, soprattutto, senza un orizzonte de-finito non solo da persone, ma da valori ... condivisi?

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240