demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
Le mappe di Ilvo Diamanti
ULTIME MAPPE
“I migranti siamo noi ” La generazione E condannata alla fuga
(30 giugno 2024)
vedi »
Nel Paese del non voto il campo largo si rafforza al Sud e al Centro La destra tiene in periferia
(26 giugno 2024)
vedi »
Il campo allargato l’arma della sinistra per vincere nel Paese polarizzato
(12 giugno 2024)
vedi »
La miglior amica dell’Europa è la Generazione Z
(20 maggio 2024)
vedi »
LE MAPPE DI ILVO DIAMANTI

La geografia degli orientamenti culturali, sociali e politici degli italiani, tracciata dagli articoli di Ilvo Diamanti per La Repubblica.
DUE SU TRE CON MATTARELLA MA CRESCE LA VOGLIA DI PRESIDENZIALISMO
[La Repubblica, 13 marzo 2023]

L'Italia si sta "presidenzializzando".
Lo confermano le indagini sul "Rapporto fra gli italiani e lo Stato", condotte da Demos perRepubblica . Due italiani su tre, infatti, confidano nel presidente Mattarella. Dunque, oltre 20 punti in più rispetto al 2014, quando al Quirinale era insediato il predecessore, Giorgio Napolitano. Tuttavia, lo stesso Napolitano, nel 2011, aveva toccato l'80% di popolarità. Per scendere, negli anni seguenti, in modo sensibile. Intorno al 50%. E, ancor di più, durante il governo Renzi. Una tendenza che rammenta come il ruolo del Presidente, più di ogni altra istituzione, "rappresenti" lo Stato. E, per questo, rifletta l'immagine del sistema politico. Anche in tempi di disincanto democratico. Caratterizzato dall'affermarsi dell'anti-politica. Un sentimento che esprime distacco e ostilità verso la politica e i soggetti che la rappresentano. In particolare, i partiti, insieme ai leader. Etichettati semplicemente come politici. Per questo motivo anche l'immagine del Presidente subisce gli effetti della delusione verso la politica. Dell'anti-politica. Interpretata, per alcuni anni, soprattutto dal M5S e, successivamente, dalla Lega di Salvini. In grado, per questo motivo, di intercettare il risentimento dei cittadini. Proponendosi come anti- partiti, divenuti, in seguito, a loro volta partiti. Di governo. E, di conseguenza, penalizzati. In misura diversa e variabile, nel corso dell'ultimo decennio.

Per questo motivo, la figura del Presidente, pur venendo coinvolta da e in questo clima politico, "r-esiste". Mantiene, cioè, credibilità. E, anche grazie all'autorevolezza personale di Mattarella, continua a costituire un riferimento per i cittadini. E permette alle istituzioni di r-esistere. Perché ne è il principale garante. Oltre e sopra le parti. Anche se le parti politiche lo valutano in modo diverso. Oggi, come emerge dal sondaggio di Demos, è apprezzato e sostenuto dalla quasi totalità degli elettori del Pd e del Terzo Polo (Azione-Italia Viva). Ma dispone di un consenso maggioritario presso la base di tutti i partiti. Prossimo al 60% anche fra chi vota per la Lega e il M5S. In altri termini, supera le divisioni politiche tradizionalie nuove. Peraltro, la politica si è, da tempo, "personalizzata" e "presidenzializzata". Le istituzioni locali e territoriali sono elette direttamente dai cittadini. I partiti si riconoscono e riflettono nei leader. Sono divenuti"partiti personali", per citare una nota definizione di Mauro Calise.

Per questa ragione, appare altrettanto ampio il favore verso l'elezione diretta del Presidente. Secondo il modello dei sistemi presidenziali e semi-presidenziali. Che comprende e coinvolge molti importanti Paesi. Come gli Usa e la Francia.

Nell'ultimo anno, in Italia, questo sistema di s-elezione e di scelta del Presidente ha mantenuto un consenso molto largo, fra i cittadini. Ma con differenze sensibili ed evidenti, dettate, in particolare, dalla posizione politica. L'elezione diretta, infatti, risulta molto apprezzata dal centro-destra, soprattutto nella base della Lega (82%) e di FdI (76%). È, inoltre, condivisa dai due terzi degli elettori di Forza Italia. Non per caso, in quanto si tratta del partito personale (di Berlusconi), per definizione. Ma il consenso verso l'elezione diretta scende sensibilmente nel centro-sinistra. E diviene minoritario fra chi vota Pd, Terzo Polo. E lo stesso M5S.

Tuttavia, il marchio "personale", nel recente passato e nel presente, ha coinvolto tutti i partiti. Anchenel centro-sinistra. Compreso il Pd, durante la segreteria di Renzi (il cosiddetto PdR, Partito di Renzi).

Altri partiti, meno solidi e fondati nella società e nel territorio, nel corso degli anni seguenti sono sorti per iniziativa personale. E sono finiti in modo rapido. Perché l'immagine dei leader scompare in fretta, insieme ai partiti che hanno il loro volto.

D'altronde, l'importanza della persona, cioè, del capo, è cresciuta. Anche perché i partiti e lo stesso Parlamento hanno perduto potere. La stessa attività legislativa, negli ultimi anni, è stata svolta spesso dai capi di governo. Come rammenta la sigla Dpcm. Decreto del Presidente del Consiglio. Una sigla divenuta popolare, nel corso dei governi Conte 2 e Draghi.

Nell'ultimo periodo, peraltro, la spinta verso l'elezione diretta del Presidente della Repubblica si è incrociata con una domanda di cambiamento politico, che va oltre gli schieramenti. E si è tradotta, in particolare, nell'affermazione e nell'elezione di due donne, Giorgia Meloni ed Elly Schlein, a capo, rispettivamente, del governo e del principale partito di opposizione.

Ora, per completare questo percorso, manca un solo passaggio. Il più importante. L'ascesa di una donna al Quirinale, dopo un Presidente della Repubblica stimato come Sergio Mattarella. Magari attraverso un'elezione... "diretta".

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240